Tipi umani da giornalista scientifica / 9: il personaggio che non ti aspetti

Nei giorni scorsi mi sono trovata a parlare a lungo con due scienziati senior (con tutto il rispetto) di due discipline molto diverse tra loro. Diciamo uno scienziato della vita e uno delle scienze dure.
Abbiamo parlato di due storie apparentemente lontane tra loro ma con lo stesso schema narrativo e la stessa disperazione di fondo: il solito ciarlatano, i soliti giornalisti che si confondo, o che confondono artatamente* le cose, i soliti politici goffi o conniventi, qualche finanziamento che si sposta dalla scienza ufficiale al grande boh dell’alternativa mistica, un po’ di forconi medievali, un po’ di umana pietà a rendere tutto più difficile.
La cosa che mi ha colpito è che in entrambi i casi, pur essendo così distanti tra loro, è saltato fuori il personaggio che non ti aspetti (PCNTA).
Il PCNTA è uno che complica la vita di noi che facciamo comunicazione della scienza e che vorremmo farla bene. Noi che abbiamo la pretesa di capire le storie complesse, di imparare nomi e stereotipie della non-scienza peggiore. Ci complica la vita perché a volte si avvicina al tipo umano dello scienziato mitomane, ma spesso è più astuto e si camuffa dietro a un ciarlatano in un momento di confusione.
E poi lo trovi quasi sempre, ovunque girino soldi, sia che tu parli di medicina sia che tu parli di un paese che crolla.
Ma fa di peggio, di molto peggio che complicare la vita a noi e al nostro onesto mestiere.
Funziona così.

L’Italia è scossa da un fremito: abbiamo la soluzione, facile e alternativa, a un problema che con i noiosissimi e lentissimi metodi della scienza ufficiale non sapevamo risolvere. Né qui né all’estero. In genere l’estero ci guarda trattenendo le risa. Ma noi abbiamo la soluzione e andiamo avanti tra fanfare mediatiche, telegiornali, prime pagine, approfondimenti serali e a volte persino interrogazioni parlamentari, e giù giù verso il ridicolo più tragico che il ridicolo possa diventare.
La soluzione ci è proposta da uno che ha le sembianze del ciarlatano, il curriculum del ciarlatano, parla e si muove come un ciarlatano. Ed è un ciarlatano.
L’Italia impazzisce per lui: fate un giro su youtube e vi renderete conto.
Il ciarlatano riesce a convincere gente in buona fede, ingenui, poracci, ma anche politici (chissà perché, eh) e opinion leader di tutte le razze: si va dal giornalista impegnato, al cantante in pensione. Dal politico in genere sensato ma in questo momento troppo distratto dall’opportunismo che ha dovuto vestire in campagna elettorale, alla sexy flexy che mostra volentieri il proprio pettoruto impegno a favore dei più sfortunati.
Per qualche anno, il ciarlatano ha la sua fama fatta da movimenti di folle più o meno importanti, e visibilità. A volte fatta anche da discreti finanziamenti e sostegni economici più o meno manifesti da parte di privati e istituzioni. Ma prima o poi la sua celebrità comincia a scemare. La gente, anche la più entusiasta, comincia a rendersi conto delle panzane, magari non lo ammette pubblicamente ma piano piano abbandona il suo guru, ciao e grazie. Può darsi che di mezzo ci siano gli sbirri e i carabinieri. Può darsi che semplicemente alla terza, quarta, quinta profezia sbagliata sia saltato fuori un profeta migliore. Può darsi che semplicemente sia passata la moda.
Così alla fine il paese raccoglie i cocci.

Il PCNTA è stato dietro alle quinte fino a poco fa: è un accademico, uno con un’affiliazione seria, che spesso trae in inganno anche i giornalisti migliori (beh… in fondo non stiamo mica dando voce al ciarlatano… e poi la sua posizione è interessante…). Però ha preso posizioni ambigue travestite da sagge aperture prive di pregiudizi e anzi segno di grande disponibilità all’ascolto. Non si è mai sporcato le mani per (provare a) sputtanare il ciarlatano in pubblico, come hanno fatto i suoi animosi colleghi. È stato lì, e ha pensato: da tutto questo, che cosa ci posso guadagnare?
Una leggina nuova, che mi permetta di vendere questa cosina che ho brevettato tempo fa?
Un finanziamento a questa ricerchetta screditata da tutti i colleghi, ma su cui ho investito gli ultimi decenni della mia vita?
Un po’ di tv, e poi vediamo?
Così il PCNTA viene fuori con cose simili, ma ammantate da tutti i crismi della scientificità, a quelle tirate fuori dal ciarlatano. Sì, ok, ce n’erano già, di cose simili ammantate blablabla, ed erano scienza vera, ma vallo a spiegare a quello zuccone di giornalista.
E poi il PCNTA le sa proporre in modo diverso a seconda di chi ha davanti: terrà un contegno professorale di fronte al bravo giornalista scientifico, ma sarà empatico e ambiguo di fronte al giornalista che non conosce la scienza, e che pensa che non sia nemmeno tanto necessario conoscerla per intervistare uno scienziato. Saprà muoversi con astuzia accademica tra i colleghi, saprà muoversi con astuzia mediatica tra i giornalisti. Coi primi avrà un atteggiamento distaccato, i secondi li userà a suo vantaggio.
Lo troveremo per mesi e anni da tutte le parti, ma en souplesse: intanto rilascia interviste, precisa, sorride, telefona alle redazioni, si fa amici tra i giornalisti importanti, guadagna la loro stima. In ogni caso rimane uno scienziato, un bravo scienziato, uno scienziato della scienza ufficiale. Perché così gli conviene. E quando il ciarlatano di cui sopra sarà costretto a chiudere il suo baraccone, e noi, insieme ai bravi scienziati di questo paese (cioè la maggioranza), cominceremo a pensare di poter tirare un sospiro di sollievo, ci accorgeremo che il PCNTA da tutto quel casino sarà l’unico ad averci guadagnato. Per questo la vera sfida, per tutti, scienziati e giornalisti scientifici, è riconoscere il PCNTA e capire insieme come fermarlo in tempo.

 

* è una delle mie parole preferite, sì.

Advertisements

6 pensieri su “Tipi umani da giornalista scientifica / 9: il personaggio che non ti aspetti

  1. Vero, ma tutto ciò deriva anche da uno degli assunti fondamentali della psicologia comportamentista, – “L’intelligenza è capacità di adattamento” -, che per l’appunto nasce negli Stati Uniti, patria elettiva della ricerca scientifica seria e spietatamente meritocratica.

  2. Ma si possono fare dei nomi o almeno raccontare delle storie concrete? Perche’ io, sara’ che non sono in Italia e non vedo la TV italiana, non ho assolutamente capito a chi o quali fatti ti stai riferendo.
    C’e’ qualche medico vero che appoggia il metodo Stamina? Qualche geofisico che chiede fondi sulla previsione dei terremoti? Qualcuno che vede cracking sempre o dovunque?

    1. si possono fare i nomi, ma su un blog come questo si rischia un bel po’ e non posso permettermelo.
      comunque se fai un giro su scienzainrete, per esempio, almeno alla prima domanda troverai la risposta.
      ti scrivo due righe in privato.
      ciao, silvia

  3. Credo siano i più pericolosi….comunque non credo che l’intelligenza sia solo capacità di adattamento…il PCNTA è più vicino al conformista di Gaber…è un approfittatore dalle cui azioni trae vantaggio personale a discapito del resto della collettività…ecco secondo il diagramma di Carlo Cipolla (relativo al saggio sulla stupidità umana) il PCNTA si potrebbe collocare nel quadrante dei banditi intelligenti…via furbi…intendendo con furbizia un sottoprodotto dell’intelligenza…come al solito un bel pezzo Silvia…scritto con intelligenza ma venuto dal cuore..

  4. Alessandro Venieri, a parte i dubbi sull’intendere furbizia come sottoprodotto dell’intelligenza, sono d’accordo con lei. Ricordavo la definizione d’intelligenza del comportamentismo di importazione statunitense proprio per mettere in guardia dalle condanne morali pronto uso, condanne che spesso finiscono per fare i comodi del furbo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...