Caffellatte e contabilità: oggi mi sono svegliata tranquilla e ho curiosato nel mio conto in banca

Ti fanno: adesso puoi prenderti qualche giorno di riposo, ti sei stressata troppo e ora un po’ di tranquillità te la meriti davvero.
Allora ti alzi con calma (con calma, ma stai già pensando a quel lavoro da chiudere entro domenica, a quelle tre cosette da scrivere in corsa, a un paio di telefonate, due proposte, un appuntamento, un festival della scienza con tre moderazioni in due giorni e a un po’ di fatti tuoi tipo lavanderia, poste, palestra, riunione di condominio). E decidi di cominciare la settimana detta di tranquillità facendo quello che non riesci a fare da un po’, e che dovrebbe anche gratificarti, cioè il riepilogo della contabilità.
Dunque: a gennaio ho fatto sei fatture, ma una l’ho dovuta annullare e fanno cinque.
Nessuna, nessuna, è stata ancora pagata.
In compenso a fine febbraio ho ricevuto il pagamento di una fattura fatta a dicembre, cioè nell’anno fiscale precedente.
La mia contabilità è ferma da tre mesi. Dio come è tranquilla, lei.

In pratica questo significa che (anche per colpa mia, per carità) da novembre lavoro per una grande azienda pubblica (ehm) senza vedere una lira, anzi: avendo anticipato qualche migliaio di euro di spese. Sono stata rassicurata: il primo dei quattro frammenti di pagamento sta arrivando, ed è quello che contiene il grosso dei rimborsi più due spiccioli di compenso. Gli altri tre (anche per colpa mia, ma insomma) dovrò aspettarli ancora un po’.
Significa anche che i lavoretti per il grande gruppo editoriale (ehm) effettuati nel 2011 non solo non sono stati ancora pagati, ma nemmeno mi hanno preannunciato il pagamento chiedendomi formalmente la fattura. Ho sollecitato e può darsi che sia anche colpa mia: ora cerchiamo di risolvere la faccenda.
Mancano anche i soldi del grande istituto di ricerca, della grande università e del grande progetto finanziato dal grande gruppo industriale. Forse c’è un po’ di colpa mia, non so: intanto aspetto.

A me sembrava di aver lavorato bene e di essere stata puntuale e precisa. Sono un pesciolino piccolo piccolo, ma mi do da fare. E lo so che ci vuole pazienza, che si tratta di contabilità enormi e difficili, che i pagamenti si fanno a tre mesi (no?!), che se io ritardo nella consegna della fattura (?!) non posso poi lamentarmi, che entro fine marzo sta’ tranquilla: arriva tutto. Lo so, è vero. Stamani mi sono alzata volenterosa, e a tutto questo non ci avevo pensato. Se ci avessi pensato avrei di sicuro dormito fino a fine marzo. Tranquilla.

Advertisements

6 pensieri su “Caffellatte e contabilità: oggi mi sono svegliata tranquilla e ho curiosato nel mio conto in banca

  1. Beh, almeno la grande azienda pubblica ti consente di emettere formalmente la fattura quando ti sta per pagare. Noi come piccola azienda fornitrice di grandi aziende paghiamo in anticipo l’IVA su fatture che incasseremo a volte anche 150 giorni dopo. Non ci sono contabilità enormi e difficili: tutto viene regolato da sistemi informatici precisi come un orologio svizzero. Semplicemente, le aziende serie non lucrano sugli interessi del proprio conto in banca.

    1. ah, grazie per avermi ricordato il meccanismo della gratitudine perversa. almeno mi chiedono la fattura quando stanno per pagarmi, sì. ma un sacco di volte succede anche ai pesci piccoli piccoli di fatturare in un trimestre e di venire pagati due, tre, quattro trimestri dopo (cfr pagamento di febbraio per fattura di dicembre).

  2. Beh io non riesco a pagarti le fatture …….tra parentesi sto on cassa integrazione;)…’ma i cOmplimemtoni per il tuo servizio te li faccio e
    Come…..anche se non ci paghi le
    Bolletti. Un tuo
    Ammiratore… Novello ma sincero 😉

  3. Ma perche’ il mio idraulico, il mio dentista, il mio meccanico, il mio fruttivendolo, ecc. ecc. non sono come te? Questi se non li paghi entro qualche minuto da quando hanno finito il lavoro, si innervosiscono assai. Qualcuno riuscira’ mai a fargli capire di stare tranquilli e di pretendere questi benedetti soldi dopo qualche mese? Oppure riusciranno prima i giornalisti scientifici a farsi pagare senza dover aspettare xx mesi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...