Agosto, esperto mio non ti conosco

Ognuno, con l’estate, ha i suoi problemi. Bruno Martino la odiava per questioni sentimentali. Il mio è un contenzioso puramente professionale. Perché se di lavoro passi il tuo tempo al telefono a cercare qualcuno in grado di parlarti, con competenza, di una cavolo di questione ambientale di un paese lontano, o anche di una cavolo di questione qualsiasi in Italia, in agosto non troverai nessuno. Il paese è chiuso, il cervello anche: sono tutti in ferie. E se ti viene in mente di rivolgerti a un ufficio stampa, le cose possono anche peggiorare.

“Pronto, buongiorno: mi chiamo silvia bencivelli, chiamo dalla redazione di radio3 scienza perché dovremmo parlare di questo in trasmissione e voi siete l’ente pubblico di riferimento sulla faccenda”. “Eh, ma il direttore generale è in ferie”. “Sì, ma noi domani ne parliamo comunque e forse è bene che lo sappiate, perché per ora siamo riusciti solo a contattare l’associazione ambientalista che criticherà nel dettaglio il vostro operato: magari, se non c’è il direttore generale, potete passarci un tecnico in grado di rispondere”. “Guarda silvia, faccio un giro di telefonate e ti richiamo”.
“Pronto, buongiorno: mi chiamo silvia bencivelli, chiamo dalla redazione di radio3 scienza ed è la seconda volta che telefono. Si tratta della trasmissione di domani in cui parleremo di…”. “Ah, sì, ciao, ti stavo per chiamare. Qui non c’è nessuno, mi dispiace. Ho parlato col Grande Capo dei Capi e ci siamo detti: perché non sentite il ministero? In fondo, per voi dovrebbe andare bene lo stesso…”. “Beh, insomma. E per voi? Ci lasciate parlare con l’ambientalista da solo, in diretta, senza controparte? E poi il ministero nella persona di chi, scusa?”. “Senti il dottor Pinco Pallino: ti do il numero della segretaria. Sempre che non sia in ferie anche lei. Mi dispiace, ma fino a settembre, sai, qui non c’è nessuno. Comunque Pinco Pallino me lo ricordo in gamba. Vedrai che viene una bella puntata”.

Poi ci sono le preclusioni astagionali, quelle dello scienziato che proprio, con te, non ci vuole parlare. Anche a costo di farti dire cazzate sul suo lavoro. E intanto si consuma nel livore…
“Pronto, buongiorno: mi chiamo silvia bencivelli, chiamo dalla redazione di radio3 scienza perché dovremmo parlare di questo in trasmissione e lì da voi lavora il professor Scienziatone, che ha appena pubblicato…”. “Eh… ma Scienziatone non voleva pubblicare quei dati: è stato un errore di uno del suo gruppo. Non sappiamo nemmeno di chi, perché Scienziatone non ce ne ha mai voluto parlare…”. “Bene, allora domani in trasmissione può correggere il tiro e spiegare che cosa dicano davvero quei dati, che intanto sono stati pubblicati da tutti i giornali…”. “No, scherziamo?! Da quando sono usciti quei dati Scienziatone non vuole più parlare coi giornalisti!”. “Mi scusi, ma non è mica colpa dei giornalisti se un suo collaboratore ha fatto uscire i dati. Che cosa avrebbero dovuto fare, i giornalisti? Ignorarli? E comunque, adesso che sono stati letti da mezza Italia, Scienziatone farebbe bene a spiegarli e a spiegarsi”. “Guardi, no. Posso anche provare a insistere, e dire che voi domani in trasmissione leggerete di nuovo i dati e li commenterete come hanno fatto altri trecento giornalisti fino a oggi e che se lui non interviene farete gli stessi errori. Ma Scienziatone non accetterà nemmeno stavolta, ne sono sicuro. E poi non è nemmeno detto che risponda al cellulare: sa, è così infastidito dai seccatori…”.

Poi esci di redazione e vai a trovare un’amica in ospedale, reparto di psichiatria. Sta bene, ti dice, a parte l’impaccio nei movimenti, i crampi, il sovrappeso, la noia. Lunedi mi devono far uscire, ti dice: è un mese che mi tengono chiusa qua dentro. Non ha nemmeno un computer con sé e non può tenere niente in stanza, salvo un lunghissimo romanzo prestatole dalla mamma. “Qui l’unica cosa buona è l’aria condizionata”, ripete, con lo sguardo un po’ perso. Un’unica cosa buona nel suo agosto, mentre io ho fatto tanta fatica a trovare un’unica cosa cattiva nel mio…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...